Ai miei ragazzi “quasi” maturi

In questi giorni affronterete i vostri primi veri esami; e in queste settimane sicuramente avrete avuto attorno una marea di persone che vi avranno ripetuto fino allo sfinimento cosa aspettarvi: qualcuno avrà tentato di tranquillizzarvi, probabilmente senza successo, e altri vi avranno fatto sperimentare livelli di stress e nervosismo mai provati prima. E io non voglio aggiungermi a quella pletora di persone; quindi non vi darò consigli o suggerimenti (però il termine pletora potete usarlo sul tema, fa la sua figura). E non vi augurerò neanche buona fortuna; e non per motivi scaramantici, ma perché sono convinto che voi siate gia la vostra fortuna; che l’abbiate già costruita e fatta crescere in questi ultimi anni insieme alla vostra età. E allora sono qui, con il pensiero rivolto ai vostri volti, come se foste qui davanti a me, solo per darvi il benvenuto. Per accogliere, sorridendo, le vostre ultime paure adolescenziali e farvi spazio, tutti insieme, sui posti che vi siete guadagnati, in questo splendido ed enorme palcoscenico. Adesso è il vostro turno, d’ora in poi sarete voi a scegliere. Avete ancora tutta la bellezza della vostra gioventù, ma con un odore di “adultità” (questa sul tema è meglio che non la usiate, non credo che esista), che profumerà ogni vostro giorno. Alla fine l’esame che state affrontando, il vero esame, è questo. D’ora in poi ogni scelta avrà un sapore diverso, più pieno. Certo, forse saranno scelte più faticose, ma vi daranno un gusto nuovo; perché finalmente saranno totalmente vostre. E credetemi, non c’è niente di più bello e di più gratificante. E io sono sicuro, che il vostro profumo inonderà ogni cosa attorno a voi, gli darà il vostro sapore, imprimerà a fuoco la vostra impronta su ogni passo che metterete avanti all’altro. Questa è la mia certezza, la certezza che provo ogni volta che vi guardo: il mondo ha bisogno di voi; io ho bisogno di voi. E non vedo l’ora che usciate per l’ultima volta dal cancello di quella scuola. Per andare avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *